lunedì 15 luglio 2013

Il Tribunale di Verona dichiara la nullità del contratto di Mediterraneo Srl!

Siamo lieti di segnalare una nuova significativa vittoria dei multiproprietari nei confronti delle società che hanno venduto loro diritti vacanza risultati, successivamente, del tutto inutilizzabili.

Una multiproprietaria si è rivolta al Tribunale di Verona chiedendo che venisse dichiarata la nullità di un certificato di associazione sottoscritto nel 2003 con la società Mediterraneo Srl, ed avente ad oggetto l'acquisto di un non preciso diritto vacanza, simile alla multiproprietà, da utilizzare nel complesso turistico Mediterranean Club Cala PI.

Il periodo di godimento era compreso tra la settimana 1 e la settimana 52 di ogni anno solare, previa prenotazione/comunicazione da inoltrare all'ente gestore, il quale poteva anche rifiutare la richiesta del multiproprietario.

Il Tribunale di Verona ha considerato il contratto di Mediterraneo Srl, che potete visionare in questo post, nullo perché privo di tutti gli elementi richiesti dalla normativa di settore, come indicati all'art. 1 del D. Lgs. n. 427/1998 ( norma applicabile ratione temporis e successivamente confluito nel Codice del Consumo).

Nella sentenza pronunciata dal Tribunale di Verona sono evidenziate tutte le carenze contrattuali del contratto di Mediterraneo Srl, evidenziando che "manca, infatti, ogni specificazione in ordine al tipo di associazione cui il contraente si è associato - persona giuridica o ente di fatto - così come non vi è alcuna indicazione è fornita in relazione al regolamento di tale ente".

Nel caso di specie, osserva ancora il Tribunale di Verona, "Con riferimento al diritto di godimento, vi è solo un generico riferimento al tipo di appartamento con indicazione dei posti letto e alla usufruibilità per una settimana l'anno senza indicazione della natura e delle condizioni di esercizio del diritto e la stessa descrizione dell'immobile".

In assenza di tali elementi, il Tribunale di Verona ha considerato nullo il contratto di vendita del certificato di associazione, che potete vedere di seguito, ed ha condannato la società a restituire i denari alla consumatrice.

Quest'ultima, inoltre, è liberata dall'obbligo di dover pagare le spese di gestione annuali nei confronti del resort Mediterranean Cala PI.




3 commenti:

  1. buongiorno vorreiinformazioni in merito visto che anche io anni fa ho stipulato un contratto con questa "azienda pagando circa 14000 euro.
    eì possibile recupararli in qualche modo secondo voi?
    grazie per la disponibilità
    Casamassima

    RispondiElimina
  2. buongiorno vorreiinformazioni in merito visto che anche io anni fa ho stipulato un contratto con questa "azienda pagando circa 14000 euro.
    eì possibile recupararli in qualche modo secondo voi?
    grazie per la disponibilità
    Casamassima

    RispondiElimina
  3. Salve vi sono molte vicende simili che hanno riguardato molti consumatori e che sono state risolte.

    Purtroppo i promotori che hanno venduto questi prodotti vacanza non hanno chiarito l'oggetto della vendita, e le particolarità collegate ad una iscrizione ad un club straniero.

    E quindi, in molte circostanze, il consumatore non è stato informato in merito all'iscrizione al club che si accompagnava la firma del contratto, né la Sua iscrizione per molti anni, con obbligo di pagamento delle spese di iscrizione annuali.

    Queste carenze hanno portato i giudici a considerare non valido questo modello contrattuale.

    Di recente, ancora il Tribunale di Verona ha considerato nullo questo tipo di contratti. Vedi qui http://tuttomultiproprieta.blogspot.it/2016/01/glmtravel-box-non-e-valido-il-contratto.html

    Se vuole maggiori informazioni, scriva a multiproprieta@consumatoreinformato.it

    RispondiElimina

Modifica il post